DETTI E PROVERBI

Anni di saggezza tramandati da generazione in generazione

Ccoji l’acqua quannu chiove.

Prendi al volo le opportunità che ti si presentano.

Ttacca lu ciucciu a ddu vole lu patrunu.

Stai a quello che ti dicono di fare.

De la mmane la bbona sciurnata pare.

La bella giornata si vede dal mattino. 

Juta li toi, l’otri se poi.

Pensa prima a te stesso.

Panza nghina cerca riposu.

Una volta sazio, vuoi solo andare a dormire.

Pane e guai no mancane mai.

I guai, come il pane, sono all’ordine del giorno.

“Ne voi” se dice alli malati.

Se vuoi offrire qualcosa, offri senza chiedere.

Nudda nova, bbona nova.

Nessuna notizia, è già una buona notizia.

Na botta allu circhiu e una allu tampagnu.

Non essere di parte.

Mpara l’arte e mintila da parte.

È bene saperne tante.

Mortu lu sciuscettu, no fummu chiù cumpari.

Si perde l’interesse per qualcuno quando non può più darti quello che vuoi.

Petre mini all’aria? A ncapu te cadene.

Se fai del male, ti si ritorce contro.

Quannu otru no te, cu mammata te curchi.

Accontentati di quello che hai.

Quannu chiove de tramontana, chiove tre giurni e na settimana.

Se piove di tramontana, piove tre giorni e una settimana.

Quannu lu diaulu te ncarizza, l’anima ne vole.

Le persone ti lusingano solo quando vogliono ottenere qualcosa.

Se a ogni petra ttuppi, scasatu rrimani.

Sii più tollerante.

Se no ccappi, no rrappi.

Se non ti capita qualcosa, non puoi capire cosa si prova.

Si cchiù fessa tie de l’acqua salata.

Sei troppo buono.

Se no te rratti sulu, no te passa lu pruritu.

Devi sbrigartela da solo.

Susu la pelle de l’otri, simu tutti dottori.

Delle problematiche degli altri, tutti sono bravi a parlare.

Sulu alla morte no nc’è rimediu.

Tutto si può risolvere.

Tutti de na ventre ma no tutti de na mente.

Anche se si nasce dalla stessa madre, ognuno ha il suo carattere.

Vardate delle capu calate.

L’apparenza inganna.

Spetta ciucciu meu ca l’erba crisce.

Non credere alle promesse di chi non le ha mai mantenute.

Quannu se face la fica, lu malune va se mpica.

Quando maturano i fichi, l’anguria non è più buona.

L’oju de vulia ogni male porta via.

L’olio di oliva è salutare.

Ci è turtura, all’acqua torna.

Si ritorna sempre alle vecchie abitudini.

Torci vinchiareddhu quannu è tenareddhu.

L’insegnamenti si apprendono soprattutto da piccoli.

Tira cchiù nu pilu ca nu ‘nzartu.

Una donna riesce a far muovere gli uomini più di quanto possa fare una fune.

Ci se vanta a ssulu no vale nu pasulu.

Chi si vanta da solo delle sue azioni, non vale niente.

Chiudi il menu